Blog

La Gamification al servizio della formazione efficace

gamification-efficace

Durante le attività di formazione emergono spesso dei limiti nei processi di apprendimento. La maggior parte delle criticità sono dovute non tanto ai soggetti coinvolti nei processi stessi, quanto piuttosto alle metodologie utilizzate nell’insegnamento.

I metodi applicati, gli strumenti, e anche i supporti visivi, utilizzati durante l’istruzione svolgono un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’ interesse. Non riuscire a generare nell’interlocutore un adeguato coinvolgimento è la strada più sicura verso il fallimento degli obiettivi di apprendimento.

Formare le persone attraverso il divertimento, e garantire loro strumenti in grado di generare una maggiore reattività e coinvolgimento personale, è sicuramente la via maestra da seguire.

Per fare questo la Gamification è indispensabile: essa include pratiche, logiche ed approcci che sono pensate per generare divertimento nell’interlocutore e alimentare il suo interesse.

Una conferma dell’efficacia di questo strumento è offerta dagli studi dello psicologo Mihály Csíkszentmihályi, che ha coniato il termine “flusso”. Il “flusso” coincide con lo stato di coscienza durante il quale si è completamente concentrati, assorbiti ed appagati dall’attività che si sta svolgendo.

Riuscire a raggiungere questo stato è un obiettivo fondamentale nei processi di formazione, in quanto è dimostrato che in questa condizione i soggetti coinvolti sono in grado di assimilare meglio le informazioni, aumentando notevolmente il proprio “information retention” (la capacità di trattenere ed assimilare informazioni), arrivando così a produrre risultati nettamente migliori.

MediContest risponde include tutte le caratteristiche della Gamification efficace perché consente di creare la, la condizione perfetta per rendere i momenti di formazione un’occasione indimenticabile di apprendimento, dove concentrazione, motivazione, coinvolgimento, partecipazione e interattività tra formatore e formati fanno da padroni.

Articolo di Gloria Guizzo.

Post a comment